Piccoli tiranni crescono In principio era la coppia Completa e semiperfetta, nella sua diversità e nel suo equilibro precario: talvolta con lo stesso amore per arte, musei, percorsi urbani, borghi antichi. Più spesso consacrata al compromesso, al do ut des, allo scambio di favori (di vario genere). Oggi visitiamo il museo, domani escursione in montagna. La mattina a caccia di affreschi, la sera di localini.Quando si deve gestire soltanto un marito (o una moglie) è tutto più semplice… abbiamo ottima merce di scambio e argomentazioni convincenti! Qualche anno dopo Nascono i figli. Ci viene insegnato che la nostra vita, e i nostri viaggi, devono adeguarsi.Ci dicono che in qualità di bravi genitori non abbiamo più la libertà di vagabondare a nostro piacimento a caccia d’arte, o di inerpicarci su scoscesi pendii.Ci spiegano che la…

Continua a leggere I diritti dei genitori in viaggio

Bagno Vignoni, suggestiva Val d'Orcia. Con i bambini alla scoperta del Parco archeologico dei Mulini e della particolarissima Piazza delle Sorgenti.

Continua a leggere Bagno Vignoni, stupore in Val d’Orcia con i bambini

Il sogno rinascimentale di un'utopica connessione tra Stato, governato saggiamente, e città, urbanisticamente ordinata secondo i principi della pura geometria, sfociò nel mito della cosiddetta “città ideale”. Questa aspirazione prese forma in un piccolo centro della Toscana, Castello di Corsignano, patria di Enea Silvio Piccolomini, al secolo Pio II. Il papa, fine interprete e promotore della visione del suo tempo, tra il 1459 e il 1462 plasmò l'intero assetto del borgo, grazie ai progetti dell'architetto Rossellino, e lo elevò a rango di città e sede vescovile, mutandone il nome in Pienza. Pienza, città ideale rinascimentale, nasconde un piccolo segreto, quello del suo pecorino, detto anche cacio. Scopritelo nell'articolo! Palazzo Piccolomini e il primo giardino pensile rinascimentale La residenza papale (e dei discendenti fino al 1962), Palazzo Piccolomini, presenta una facciata tipicamente quttrocentesca. Pienza, Palazzo…

Continua a leggere Pienza, l’utopia toscana e il pecorino… sardo

Nella Riserva Lucciola Bella, in Val d'Orcia, biancane e calanchi, modellati dal vento, dalla pioggia, dal gelo, raccontano una storia molto antica, iniziata oltre quattro milioni di anni fa. Breve storia della Val d'Orcia Durante il Pliocene, le argille, che caratterizzano gran parte della Val d'Orcia, erano terre sommerse da un caldo mare tropicale. Gli organismi marini, dopo la morte, si depositarono sul fondo e alcuni di essi andarono incontro al processo di fossilizzazione. Val d'Orcia, Riserva Lucciola Bella. Calanchi. Ritrovamenti nella Riserva Nel 2003, sono stati rinvenuti i resti di una specie di delfino, una Stenella, vissuto qui circa quattro milioni di anni fa. Il delfino presentava dei segni tipici da morso di squalo. Successivamente l’ipotesi della lesione è stata confermata dal ritrovamento di un dente di squalo. Una piacevole scoperta Proviamo a…

Continua a leggere Riserva naturale Lucciola Bella in Val d’Orcia: scalando calanchi