Toscana Parco San Silvestro

Al Parco Archeominerario di San Silvestro con i bambini

Il Parco Archeominerario di San Silvestro rappresenta un incredibile concentrato di archeologia medioevale e industriale, storia delle miniere e paesaggi spettacolari, da visitare con i bambini.

L’estrazione dei metalli (rame e piombo argentifero) nell’area di Campiglia Marittima iniziata in epoca etrusca, è proseguita nel corso dei millenni, anche se in maniera altalenante, fino agli anni Settanta.

Il grande patrimonio minerario-archeologico dismesso è rimasto abbandonato per alcuni decenni, fino a quando, grazie a un progetto di scavi archeologici, la ricerca e la conseguente valorizzazione è stata estesa a tutto il territorio.

Miniera del Temperino

Equipaggiati di caschetto protettivo e scortati da una guida del parco, si accede alla Miniera del Temperino.
Si tratta di un lungo corridoio minerario (visitabile per circa 360 metri) in gran parte scavato dai minatori ottocenteschi, che in alcuni punti capta scavi molto più antichi.
I ricercatori del gruppo speleologico archeologico livornese hanno scoperto infatti un’articolata struttura mineraria. Avviata in epoca etrusca, è in condizioni di straordinaria integrità, dato che gli antichi percorsi non sono mai stati obliterati da interventi successivi. Sono state rinvenute le infrastrutture lasciate sulla roccia, le lucerne e i contenitori in ceramica per l’acqua e le vivande.

Parco Minerario San Silvestro, ingresso nella miniera del Temperino.
Parco Minerario San Silvestro, ingresso nella miniera del Temperino.

La guida racconta le tecniche di avanzamento usate dai minatori nelle diverse epoche storiche, fino ai giorni nostri e mostra i pozzi attraverso cui si calavano gli antichi minatori.
Camminando, incontrerete spettacolari affioramenti minerari, tra cui l’iridescente crisocolla. Si tratta di una concrezione silicatica (contenente rame) di colore verde brillante tendente al blu. Al pari delle stalattiti di formazione calcarea non deve essere toccata, per non bloccarne la crescita.

Parco Minerario San Silvestro con bambini crisocolla
Parco Minerario San Silvestro, miniera del Temperino, colata stalattitica di crisocolla.

Pozzo Earle

Uscendo dalla Miniera del Temperino si procede verso l’area di Pozzo Earle, l’unico rimasto dei cinque presenti, profondo centosessanta metri. Qui è possibile visitare il Museo delle Macchine Minerarie e il Museo dei Minatori, per scoprire l’impiego dei macchinari nelle ultime fasi di attività.

Parco Minerario San Silvestro, Museo nei pressi di Pozzo Earle.
Parco Minerario San Silvestro, Museo nei pressi di Pozzo Earle.

Galleria Lanzi-Temperino

Finalmente si arriva a quella che per i bambini è l’attrazione più ambita, il trenino minerario.

Nell’attesa della partenza visitate il Morteo, la “baracca” in metallo utilizzata dai minatori come spogliatoio e mensa. Al suo interno si trova un’esposizione di foto e documenti, che testimoniano il lavoro faticoso, le patologie professionali e le lotte sindacali che i minatori di Campiglia hanno combattuto.

Saliti a bordo e allacciate le cinture, si parte alla volta della Galleria Lanzi-Temperino, ripercorrendo come in un viaggio nel tempo uno dei tratti sotterranei che fino al Novecento compivano minatori e vagoncini carichi di minerali.

Parco Minerario San Silvestro, trenino minerario.
Parco Minerario San Silvestro, trenino minerario.

La galleria è stata scavata nella seconda metà dell’Ottocento ed è lunga circa un chilometro, che il trenino giallo percorre fino alla Valle Lanzi. Da qui sono visibili spettacolari reperti di archeologia industriale. Sono gli impianti, usati in origine per la flottazione del minerale (operazione che serviva a separare i componenti del minerale), convertiti in seguito per la frantumazione del calcare.
Dalla stazione di Valle Lanzi si ammira in lontananza, come una bianca isola di marmo, Rocca San Silvestro.

Rocca San Silvestro
Parco Minerario San Silvestro, la vista della rocca da Valle Lanzi.

La città fantasma di Rocca San Silvestro

Nel Medioevo veri e propri incastellamenti minerari sorsero in prossimità dei giacimenti (come Biserno e Acquaviva). Qui in particolare, fra il X e l’XI secolo d.C., i conti della Gherardesca, signori della zona, vollero sfruttare i ricchi filoni di rame e piombo argentifero, già scoperti dagli etruschi.

Parco Minerario San Silvestro.
Parco Minerario San Silvestro.

Crearono le basi di un vero e proprio centro industriale, con estrazione dei metalli destinati alla produzione monetaria delle zecche toscane.

Rocca San Silvestro è un villaggio medievale di minatori e fonditori di metallo, unico nel suo genere: camminerete tra le vestigia di antiche abitazioni, della chiesa, del cimitero, del mulino, della cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, e infine sulla sommità della collina marmorea, il cassero, con il palazzo del signore e la torre.

Parco Minerario San Silvestro, ingresso nel cassero.
Parco Minerario San Silvestro, ingresso nel cassero.

Dall’alto del palazzo signorile la vista spazia sul Tirreno e sulle vicine colline.

A caccia di minerali

Con un marito geologo e un figlio raccoglitore seriale, è difficile sfuggire alla consueta caccia alle pietre “preziose”. Preziose per noi, che troviamo nei piccoli minerali colorati o nei ciottoli dalle forme più strane grandi tesori e ricordi di vacanza.

Nei pressi di una miniera la ricerca è obbligata: montagne di depositi di secoli d’estrazione mineraria sono un richiamo irresistibile.

Parco Minerario San Silvestro, a caccia di minerali tra depositi di scorie.
Parco Minerario San Silvestro, a caccia di minerali tra depositi di scorie.

Galleria immagini

Le fonti per approfondimenti

Tesi di Laurea di Silvia Guideri, con la direzione scientifica di Riccardo Francovich, Parco Archeo-Minerario di Rocca San Silvestro (Campiglia Marittima)

Per scoprire i dintorni del Parco Archeominerario di San Silvestro, leggi anche l’articolo Da Baratti a Follonica, non solo mare con i bambini.


Teresa Scarselli
© 2021 DivertiViaggio | Tutti i diritti riservati
Resta in contatto: Facebook – Instagram – Linkedin

Commenti su “Al Parco Archeominerario di San Silvestro con i bambini

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *