Colli Euganei con i bambini per un turismo esperienziale

In provincia di Padova, nel bel mezzo della piattissima Pianura Padana, si ergono come isole solitari colli dal profilo appuntito:  abbiamo visitato il Parco Regionale dei Colli Euganei molte volte, l’ultima grazie a un tour formato famiglia, organizzato da Gal Patavino.

Come si sono formati i Colli Euganei?

Osservandone la caratteristica sagoma conica, ed avendo in famiglia un geologo che non perdona, non possiamo esimerci dal dare qualche spiegazione scientifica ai bambini sulla loro genesi.
Si tratta di ben ottantun rilievi, frutto di antiche eruzioni vulcaniche sottomarine.
I Colli Euganei si sono formati in conseguenza di due distinti cicli vulcanici di età e caratteristiche diverse: il primo, circa quaranta milioni di anni fa, produsse lava basaltica fluida, riversata sul fondo del mare e rimescolatasi ai sedimenti marini; il secondo, trenta milioni di anni fa, generò magmi viscosi, ai quali è attribuibile la formazione dei caratteristici corpi eruttivi del paesaggio euganeo.

Padova Colli Euganei

Da cosa deriva il fenomeno del termalismo?

Questo territorio è molto conosciuto soprattutto per la presenza di acque termali, ma contrariamente a quanto si possa immaginare, non ci sono relazioni tra le acque calde e la genesi vulcanica dei Colli Euganei, troppo remota per essere una fonte attiva di calore.
Ricerche approfondite hanno evidenziato che acque meteoriche (pioggia e neve) che raggiungono il suolo in una circoscritta area montana (Prealpi venete e Monti Lessini), iniziano una lenta discesa attraverso faglie e fratture delle rocce calcaree. Durante la discesa, le acque diventano sempre più calde, per effetto geotermico (riscaldamento della crosta terrestre avvicinandosi al mantello), per poi tornare in superficie a temperature intorno agli 80°C.

Al Museo Geopaleontologico di Cava Bomba

A Cinto Euganeo, nel Museo Geopaleontologico Cava Bomba, facciamo un tuffo nel Mesozoico, tra dinosauri, minerali e fossili.
Il museo è stato allestito nella ex fornace di Cava Bomba, un tempo utilizzata per l’estrazione e la produzione della calce. Proprio qui, nel 1974, furono rinvenuti pesci fossili risalenti a 92 milioni di anni fa.
Il complesso industriale fu così ristrutturato e adibito alla nuova funzione di valorizzazione e fruizione.
Troverete il percorso archeo-industriale, per scoprire tutto sull’estrazione della calce, il percorso geologico, con un’importante collezione di minerali provenienti dal territorio dei colli, e infine il percorso paleontologico, con reperti affascinanti per i piccoli paleontologi.
E per i piccolissimi, quattro Dinosauri a grandezza naturale si “aggirano” nel parco!

Parco Colli Euganei Cava bomba

Passeggiate facili sui colli con i bambini

I sentieri nel parco sono davvero tanti e per tutti i gusti. L’Ente Parco, oltre a provvedere alla manutenzione, ha implementato schede informative, consultabili anche da App, che vi permetteranno di selezionare il percorso più adatto alle vostre esigenze in famiglia.
Noi abbiamo testato il percorso n.14, che da Passo Fiorine sale verso il Monte Grande. Non immaginate la sorpresa di scoprire delicati volti femminili sbucare tra le fronde del bosco, forse di ninfe gentili che vi osservano?
L’autore di queste sculture nella trachite è Alfredo Barbiero, scultore locale che un po’ per gioco, ha iniziato a creare questa galleria d’arte a cielo aperto, perfettamente integrata con la natura circostante.

Al Parco Avventura Le Fiorine

Il pezzo forte del parco, per i bambini e i ragazzi, è sicuramente il Parco Avventura Le Fiorine, con i suoi tre percorsi a difficoltà crescente e uno staff simpatico e preparato.
Dopo un breve briefing per imparare l’ABC dei moschettoni e le principali regole di sicurezza, sarete pronti a lanciarvi intrepidi tra le chiome degli alberi come abili Tarzan e Jane! Le piccole Cite (i figli) … ringraziano!

A Casa Marina, tra lab di educazione ambientale e gare di orienteering

Casa Marina è una delle sedi del parco, con tanto di ostello, bar e ristorante.
La struttura ospita anche un’aula polivalente, attrezzata con microscopi stereoscopici, un’arnia didattica e tante vetrine con esemplari imbalsamati o sotto formalina che suscitano curiosità tra bambini e ragazzi.
Noi abbiamo potuto esaminare api e vespe al microscopio, mentre le educatrici ci raccontavano il loro affascinante mondo, unico in natura per efficienza e complessità, da sempre legato al nostro a doppio filo.
Nel Giardino Botanico ci siamo poi lanciati in una gara di orienteering, tra prove di riconoscimento visivo, olfattivo e tattile.

Tante attività vengono organizzate nella sede di Casa Marina in occasione di visite scolastiche, o in estate durante i Campi Estivi. Esperienze coinvolgenti per raccontare a bambini e ragazzi la biodiversità di questo territorio, attraverso il canto degli uccelli, le fragranze delle piante aromatiche, l’osservazione degli animali e la degustazione di prodotti locali.

Padova Parco Colli Euganei orienteering

Giardino Monumentale di Valsanzibio

Realizzato tra il 1665 ed il 1696 dalla nobile e facoltosa famiglia Barbarigo, come voto solenne per sconfiggere la Peste del 1630/31, è un luogo concepito come percorso allegorico e misterico verso il Bene.
Tra Natura e Arte, nel cuore del giardino perdetevi nel meraviglioso labirinto in bossi, alcuni dei quali raggiungono la veneranda età di quattrocento anni, con pareti alte fino a cinque metri.
Difficile trovare la retta via, e ogni fatale errore vi farà sbattere contro i sette vizi capitali, vicoli ciechi che vi forzeranno a tornare sui vostri passi e ritentare nuovi percorsi.

Dalla torretta centrale, meta agognata, un “angelo” seguirà sempre con sguardo severo, ma amorevole, il vostro percorso salvifico, pronto a soccorrervi in caso di completa disfatta. Non arrendetevi, e pentitevi dei vostri peccati!
Una volta ravveduti, potete raggiungere il bar per un delizioso panino con birre artigianali!

Padova Parco Colli Euganei Valsansibio (29)

Cosa altro fare al Parco Regionale dei Colli Euganei con i bambini

  • Andare alle terme, in uno dei tanti Hotel, alcuni dei quali fanno anche day spa, oppure, per risparmiare, alle piscine comunali Columbus Thermal Pool.
  • Raggiungere i castelli, come quello di Este o di Valbona.
  • Visitare siti archeologici, presso Castelnuovo di Teolo, o il Buso della Casara e il Museo Nazionale Atestino.
  • Scoprire l’Abbazia di Praglia, con i suoi chiostri (pensile, botanico e rustico), la chiesa abbaziale, la loggetta Fogazzaro, il refettorio monumentale e la sala del capitolo.
  • Immergersi nelle foreste pluviali al Parco Casa delle Farfalle e Bosco delle Fate, tra centina di farfalle libere di volare.

A Padova centro, visita anche la Cappella degli Scrovegni con i bambini!

Commenti su “Colli Euganei con i bambini per un turismo esperienziale

  • I colli Euganei erano una delle mie mete fisse durante gli anni dell’Università. Da quando è nata mia figlia mi sono ripromessa tante volte di portarla ma non avevo in mente un itinerario. Mi avete dato grandi spunti!

  • A dicembre prossimo saremo proprio in vacanza da quelle parti. Non abbiamo figli, ma terremo in considerazione comunque alcune delle mete che hai segnalato. Grazie 😊

  • I colli Eugenei li abbiamo visitati lo scorso anno in un week-end in occasione di un concerto nei dintorni di Arquà e ce ne siamo innamorati, soprattutto per la loro formazione geologica (io sono amante della geologia), ci torneremo sicuramente!

  • Sono proprio contenta di leggere un articolo del genere: anche le geologia, notoriamente pensata come una scienza ostica e poco interessante, può essere divertente e fatta su misura per i bimbi! Ottimo il laboratorio di orienteering, mi piacerebbe farne uno per adulti!

  • Vorrei proprio esplorare meglio i Colli Euganei, vedo che offrono tanti luoghi e paesaggi molto interessanti! Avevo fatto una gita di un giorno in zona tempo fa, ma non ho avuto occasione di fare un bel tour come si deve!

  • Non conosco proprio questa zona, anzi, penso di non esserci mai stata. Credo sia spettacolare: interessante per i ragazzi ma anche per gli adulti. Mi toccherà andare a vedere!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.